È ora che Cambridge abbia una squadra di rounders

//

Alexandre


Uno sguardo superficiale all’elenco dei club sportivi a cui gli studenti di Cambridge possono iscriversi rivela oltre 70 opportunità per impegnarsi nello sport a livello universitario. L’elenco comprende sport che vanno da quelli più convenzionali (rugby, calcio, netball, hockey ecc.), a opzioni leggermente più oscure come il tiro al piattello, l’Eton Five e, poiché è Cambridge, il croquet. Per quelli di voi che desiderano praticare i tradizionali “sport estivi”, sono disponibili cricket e tennis, ma in questa lista manca in modo evidente l’altro tradizionale “sport estivo”: il rounder. Su un totale di 76 club (sì, li ho contati), il rounders non viene menzionato, ed è ora di fare qualcosa al riguardo.

“Il rounders non è infatti uno sport ‘minore’”

Il recente aumento del cricket femminile in seguito al lancio del piano “Transforming Women’s and Girls’ Cricket” alla fine del 2019 è stato fondamentale per migliorare l’uguaglianza tra l’accesso delle donne e degli uomini allo sport, con il numero di club di cricket che hanno un club femminile o femminile sezione che aumenta da 78 a un incredibile 933. Questa trasformazione importante e necessaria è, tuttavia, agrodolce, poiché va a scapito del tanto amato (almeno da me) gioco dei rounders. Anche se sono davvero felice che siano finiti i giorni in cui i ragazzi e le ragazze venivano separati nelle lezioni di educazione fisica per insegnare ai ragazzi il cricket e alle ragazze lo sport “minore” del rounders, questa uguaglianza non dovrebbe avvenire a scapito di un’attività altrettanto competitiva e probabilmente più sport emozionante.

Il rounders non è, infatti, uno sport “minore”; richiede una corsa frenetica, lanci precisi e una battuta potente, che rendono le partite intense e spesso emozionanti. Se il lanciatore non è preciso, possono regalare mezzi giri a sinistra, a destra e al centro (come mancino sono stato il grato destinatario di molti di questi). Se il backstop e il difensore in prima base hanno un buon collegamento, è meglio assicurarsi di non sbagliare. Se lo fai, corri veloce, altrimenti rimarrai perplesso prima ancora di aver raggiunto la prima base. Se l’altra squadra è piena di “grandi battitori”, avrai bisogno di lanci forti e riprese precise per avere una possibilità di restare in gioco. L’elenco potrebbe continuare.

“Il rounders ha tutti gli attributi chiave di un buon sport, quindi perché dovrebbe essere lasciato indietro?”

Per non diventare troppo nerd, ma ci sono anche molte complessità nelle regole dei rounders che lo rendono anche un gioco di tattica: se qualcuno imbavaglia la quarta base (impedendoti di correrci sopra) prima di aver effettivamente raggiunto la terza base, tecnicamente tu puoi continuare a correre per segnare quel round e non sei eliminato. Questa regola si applica a tutte e quattro le basi, se a qualcuno interessa. Inoltre, questo sport crea un forte senso di cameratismo all’interno della squadra, con quelli in attesa di battere che incitano i propri compagni mentre corrono intorno al diamante, gridando loro se fermarsi e “prendere la metà” o “rischiare (per una cioccolata) biscotto)” cercando di girarlo completamente. Il Rounders ha tutti gli attributi chiave di un buon sport, quindi perché dovrebbe essere lasciato indietro?

Lo sport esiste fin dall’era Tudor ed è menzionato in opere tra cui quella di Jane Austen L’abbazia di Northanger. È vero che emerse come attività ricreativa, ma la formazione della National Rounders Association nel 1943 ne standardizzò le regole in tutta l’Inghilterra, cosa che era già stata fatta in Irlanda dalla Gaelic Athletic Association nel 1884. L’Inghilterra iniziò a schierare una squadra nazionale nel metà degli anni ’70, conferendogli così prestigio sportivo. Sebbene il rounders non sia di alto profilo come altri “sport estivi” come il tennis e il cricket, essendo messo in ombra dal suo gioco affine, il baseball, e privo di interesse internazionale, ciò non significa che debba essere relegato al solo gioco. ai picnic nelle giornate soleggiate.

Anche se, come chiunque altro, mi diverte con un gioco divertente e informale di rounders nei mesi estivi, adoro anche questo sport. Mi manca lo sprint intorno alle basi mentre cerco di tenere d’occhio la palla, la speranza che i tuoi compagni di squadra colgano quella persona, anche le imbarazzanti grida di “mancino” quando arrivi a battere e devi aspettare mentre tutti i difensori si mescolano giro a sinistra. Tutti questi aspetti rendono il rounders teso, competitivo e coinvolgente – qualità che, secondo me, lo rendono il miglior sport estivo. Rounders England mira a “creare un percorso competitivo che alla fine si colleghi alla struttura BUCS” in tutte le università del Regno Unito, e non vedo alcun motivo per cui Cambridge non dovrebbe farne parte.