Catz vittorioso nella finale di football cuppers che va lontano

//

Alexandre


Un venerdì sera dorato ha fatto da sfondo alla finale di Cuppers di quest’anno, una gara serrata tra Catz e John’s. John ha dimostrato il proprio livello di preparazione riscaldandosi comodamente più di un’ora prima del calcio d’inizio. Catz, al contrario, ha iniziato la marcia marciando verso gli spogliatoi, indossando abito completo e cravatte del club, mentre brandiva bandiere che avrebbero fatto vergognare il “Muro Giallo” del Dortmund. Le tensioni aumentavano con l’avvicinarsi del calcio d’inizio. Alle 17:00, sulle linee laterali c’erano circa 200 spettatori, tutti con una voce fantastica, che si è aggiunto allo spettacolo fin dal primo minuto.

“I miei rossori e il mio conto in banca furono risparmiati per un pelo quando la palla colpì la traversa, rimbalzando sulla linea di porta e fuori”

John ha trascorso i primi 20 minuti in ascesa, con l’ala sinistra Dami Fadun e il centravanti Elliot Karaalp che hanno offerto scorci della loro potenza offensiva. Tuttavia, questo dominio iniziale non è riuscito a offrire altro che mezze possibilità. Per tutto il tempo Catz ha mantenuto un pericolo in contropiede, in gran parte facilitato dagli sforzi di Josiah Riley, che sembrava coprire ogni filo d’erba. Gli sforzi di Josiah, o meglio il mio seguirli, sono stati resi incredibilmente difficili a causa di una combinazione di sole al tramonto e del fatto che Catz aveva tre giocatori che indossavano il numero otto e due con il numero cinque.

Indisturbato da queste sfide logistiche, Catz è cresciuto nel gioco dopo i 20 minuti. Dopo aver stabilito la parità di possesso palla, sono arrivate anche le occasioni. Entrambe le squadre hanno avuto occasioni nelle ultime fasi del tempo. Sfortunatamente, un brutto colpo di testa ha temperato ogni slancio, lasciando il successo anche all’intervallo.

I primi tempi del secondo tempo sono stati in assoluto i momenti più esaltanti della partita. Catz uscì volando, godendosi per la prima volta la parte del leone nel possesso palla. John’s, grazie all’industria dei centrocampisti Lucca Pereira Martins e Benedict Pearce, ha fatto in modo che il gioco non passasse loro inosservato. Il momento più vicino a entrambe le squadre è arrivato al 57 ‘, con Riley che si è fermato su un calcio di punizione diretto da 35 yard, uno dei vari meriti della sua prestazione da migliore in campo. Ho esclamato con sicurezza al mio amico che un goal qui avrebbe accelerato l’acquisto di diciotto pinte. I miei rossori e il mio conto in banca furono risparmiati per un pelo quando la palla colpì la traversa, rimbalzando sulla linea di porta e fuori.

“La dicotomia tra giubilo e disperazione illustra la natura crudele delle sanzioni”

Dal 70esimo in poi la partita diventa una storia di due difese determinate. Notevoli gli sforzi dei difensori di Catz Brandon Childs, che sfortunatamente è uscito infortunato, e James Smith. Allo stesso tempo, l’ala astuta Harry Benton ha fornito a Catz un outball, concedendo un po’ di tregua ai suoi difensori. Allo stesso modo, Karaalp, utilizzando la sua velocità e la sua forza in modo efficace, ha conquistato il territorio per John nei momenti chiave; lottare e pressare costantemente è il compito altruistico di un attaccante durante una partita in cui il servizio è limitato. Dopo questo lungo periodo di difesa determinata, le squadre hanno lasciato il campo di gioco per il tempo pieno con lo stallo a reti inviolate intatto.

Trenta minuti supplementari hanno messo alla prova la forma fisica e la concentrazione di entrambe le squadre. Ciò è stato esacerbato dal ruolo in declino di entrambi i centrocampi, poiché la disciplina tattica ha lasciato il posto al coraggio e all’impegno. La mezz’ora è fluita e fluita più o meno come i 90 minuti precedenti. Entrambe le squadre hanno avuto le loro occasioni, ma i rigori, proprio come l’UL che svettava sui campi di John, incombevano. 0-0 è stato il punteggio finale, a testimonianza degli sforzi dei portieri Joe Day e Armand de Lambilly.

I primi otto rigori sono stati realizzati con freddezza, con i due portieri incapaci di effettuare un’altra parata tra di loro, lasciando il punteggio sul 4-4. Il quinto rigore di John era fuori bersaglio. Ciò si è rivelato decisivo in quanto il quinto di Catz è stato inserito con enfasi da qualcuno che, frustrante per un uomo che cercava di tenere un registro dei procedimenti, indossava un numero non indicato nel programma della partita. Bravo comunque, il numero 49, è stato un gran tiro dal dischetto.

La dicotomia tra giubilo e disperazione illustrava la natura crudele delle sanzioni. Congratulazioni a Catz, commiserazioni a John. La coppia si è unita per offrire una gara straordinariamente equilibrata.