Condividere lo sport oltre Atlantico

//

Alexandre


Praticato in tutto il mondo, lo sport è una parte costante della vita: che si tratti della squadra di calcio del fine settimana del tuo villaggio o di campionati sportivi multimiliardari trasmessi in televisione. Poiché l’esercizio e la socializzazione sono fondamentali per l’esperienza umana, lo sport è sempre esistito in qualche forma. Mentre in passato lo sport aveva un aspetto leggermente diverso e prevedeva premi diversi, tutte le classi sociali erano impegnate in qualche tipo di evento sportivo strutturato o non strutturato. Vari paesi e culture hanno sviluppato eventi internamente, portando agli eventi sportivi specifici della cultura che conosciamo ora: pensa al sumo, al baseball, al cricket, al surf o alla Muay Thai. Ad un certo punto, la globalizzazione ha introdotto eventi sportivi specifici della cultura nel resto del mondo, invitando successivamente a una competizione diversificata. Ora vediamo le Olimpiadi, la Coppa del Mondo FIFA, le gare di F1, le partite di golf e di tennis sparse in tutto il mondo.

Crescendo in un sobborgo degli Stati Uniti, ero incollato alla TV per ogni evento sportivo su cui potevo mettere gli occhi, sia americani che internazionali. Stranamente, gli sport americani con il maggior seguito sembrano aver perso l’occasione. Il baseball e il football americano devono ancora “diventare globali” nonostante siano molto popolari negli Stati Uniti. Trasferitomi nel Regno Unito per l’università nel 2020, ho operato partendo dal presupposto che avrei guardato le partite da solo, con una differenza oraria di 5-8 ore, e che le mie famose invettiva sportive sarebbero state relegate a telefonate con gli amici. casa. Non avrei potuto essere più fuori strada se ci avessi provato.

“Non avrei potuto essere più fuori strada se ci avessi provato”

Analogamente a come i college statunitensi hanno spesso squadre di rugby o club di football, la mia università (e la maggior parte delle università del Regno Unito) aveva una squadra di football americano. La squadra di football americano di Cambridge, i Pythons, ha giocato contro Oxford proprio lo scorso fine settimana. Molti studenti hanno interesse per gli sport statunitensi se la popolarità degli eventi annuali del Super Bowl è indicativa. Oltre al settore universitario, sono gli stessi conglomerati sportivi americani a prendere l’iniziativa. Il football americano, il baseball e (pre-pandemia) la NBA sono stati tutti portati oltreoceano per serie speciali, giocate a Londra.

Dal 1993 al 1995, la NBA ha tenuto le partite di pre-campionato alla Wembley Arena, ripristinando la pratica (ora alla O2) tra il 2007 e il 2010. Nel 2011, le prime partite di stagione regolare si sono svolte a Londra, in pausa per l’anno olimpico. e riprendendo tra il 2013 e il 2019. Tutti hanno registrato una buona partecipazione. Terminati dalla pandemia, questi giochi hanno comunque mostrato un visibile interesse internazionale per le squadre sportive americane.

Con una mossa simile, anche la National Football League (NFL) e la Major League Baseball (MLB) hanno avviato una serie di Londra. La prima partita londinese della NFL si è tenuta nel 2007 allo stadio di Wembley, tra i Miami Dolphins e i New York Giants. Più recentemente, nel 2023, il Tottenham Hotspur Stadium ha ospitato i Baltimore Ravens, i Buffalo Bills, i Tennessee Titans e i Jacksonville Jaguars. La vetrina di due fine settimana dello sport più popolare degli Stati Uniti ha registrato il tutto esaurito al momento dell’inizio, riaffermando interesse e potenziale nel mercato internazionale. Lo stadio, costruito appositamente per i regolamenti della NFL, è ora incaricato di ospitare le partite della NFL a Londra almeno fino al 2030.

“Lo sport più popolare degli USA ha registrato il tutto esaurito al kickoff, riaffermando interesse e potenziale sul mercato internazionale”

La Major League Baseball ha seguito l’esempio della NFL, ospitando la sua prima partita a Londra nel 2019. Mettendo i New York Yankees contro i Boston Red Sox (feroci rivali di lunga data nella American League), la Major League Baseball ha tentato di utilizzare i favoriti dei fan e le aspre rivalità per attirare un pubblico europeo. Tuttavia, la lega non è inesperta nel raccogliere tifosi in luoghi inaspettati. La MLB ha trascorso gli ultimi 30 anni giocando a livello internazionale, raggiungendo 11 paesi e territori diversi. Andando oltre le escursioni specifiche della NBA e della NFL nel Regno Unito, la MLB intende spingersi nel mercato internazionale con la forza. Solo nella stagione 2024, il baseball ha già visitato diverse destinazioni non statunitensi, tra cui la Repubblica Dominicana, Seul e Città del Messico. Ulteriori partite sono previste a Londra, che ospiterà un’altra partita di rivalità nel Regno Unito. Laddove la prima partita della MLB Londra ha ospitato i rivali dell’American League East, quest’anno vede uno scontro della National League East, con i Philadelphia Phillies e i New York Mets che si scontrano.

Non mi sarei mai aspettato di trovare comunità che celebrassero gli sport americani quando mi sono trasferito nel Regno Unito, ma mi sono dimostrato ingenuo quasi subito. A quanto pare, nonostante le battute sulle “World Series” che coinvolgono solo squadre statunitensi e sul fatto che il football americano abbia un nome improprio per quello che è in realtà, ci sono fan internazionali. Fan sfegatati, fan occasionali, fan immigrati ed espatriati; abbastanza da esaurire gli stadi e riempire bar e pub. Tra le aziende stesse che si impadroniscono dei mercati sportivi internazionali, gli studenti universitari (nazionali e internazionali) e i bar sportivi di tutta Londra che portano le parti migliori degli Stati Uniti nel Regno Unito, non si tratta di una separazione dai miei sport preferiti: è semplicemente un trasferimento da da una sponda all’altra dell’Atlantico.