Le meraviglie della natura a Cambridge

//

Alexandre


Mentre la luce si attenuava e le ombre si allungavano fuori dalla Facoltà di inglese in una sera di fine aprile, alcune persone passavano e io osservavo, senza che nessuno se ne accorgesse, un gheppio volare sopra di loro stringendo un topo tra gli artigli e scomparire alla vista. Per alcuni secondi, sono stato trasportato lontano dal sito di Sidgwick in un’immagine della campagna del Cambridgeshire uscita direttamente dagli scritti di Enid Blyton o Kenneth Grahame, dove il mondo naturale si svolge senza essere toccato dalla presenza umana. Non potrebbe sembrare più fuori posto stagliato sui moderni edifici in mattoni e vetro delle facoltà umanistiche, come se fosse montato in tempo reale da un maestro del green screen. Eppure, man mano che aprivo gli occhi e le orecchie alla fauna selvatica intorno a me, tanto più mi rendevo conto che questo non è un evento raro. Un tasso che si precipita da dietro e finisce dentro Johns una notte tardi, il grido di un gufo trasmesso attraverso la mia finestra mentre mi sveglio nel cuore della notte. La fauna urbana sembra improvvisamente ovunque, vivida e straordinariamente non dipendente dalla popolazione umana per sopravvivere.

“La fauna urbana sembra improvvisamente ovunque, vivida e straordinariamente non dipendente dalla popolazione umana per sopravvivere”

Il paesaggio urbano è, fondamentalmente, artificiale. Tutto, dai rifugi alle fonti di cibo, alle minacce, è tutto creato o controllato dagli esseri umani, con la priorità del comfort e dell’accessibilità delle persone. Gli spazi verdi sono un mosaico, separati gli uni dagli altri da strade e traffico che rappresentano una minaccia continua per qualsiasi animale che tenti di esplorare gli spazi urbani. E il cibo spesso è semplicemente ciò che la gente butta via. Questi creano un habitat del tutto innaturale per qualsiasi animale, un ambiente unico che è stato orchestrato per un’unica specie: noi.

Ovviamente, quindi, l’urbanizzazione porta ad una perdita di biodiversità. In una forma di processo chiamato omogeneizzazione biotica, in cui la flora autoctona viene sostituita da una selezione più ristretta di flora non autoctona, lo sviluppo delle città sostituisce la campagna con un ambiente dominato da una diffusione incredibilmente ristretta di vita vegetale, con la gran parte della biosfera è semplicemente in fase di costruzione. Per la fauna selvatica, questo nuovo ambiente presenta processi di selezione completamente diversi, il che significa che molti animali non sono in grado di adattarsi a un ambiente urbano. Quelli che si adattano, cambiano le loro abitudini di foraggiamento lontano dalle ore più trafficate della giornata, normalmente fino alle prime ore del mattino.

A Cambridge siamo in una posizione abbastanza unica e privilegiata. Sembra ovvio, ma la presenza del Cam e di tutti i college centrali crea un’enorme quantità di spazio verde, che si estende in una fascia quasi ininterrotta su tutta la città. Nelle riserve naturali e nei prati lungo il Cam, la campagna è avvicinata al centro stesso della città e a tutta la fauna selvatica atipica in un ambiente urbano. Dall’area intorno a Grantchester, anche i cervi possono farsi strada in parti di Cambridge che difficilmente sembrano fattibili. Attraversando la Fen Causeway, uno o due cervi muntjac finiscono occasionalmente per vagare per Coe Fen. Usando i grandi giardini sul retro delle case nel sud e nel sud-ovest di Cambridge, si dirigono fino a Wolfson e nell’ora delle streghe possono essere trovati a pascolare fuori dal cancello principale. I tassi, un’altra specie che tende a non amalgamarsi bene con l’habitat umano, sembrano aver colonizzato i dorsi fino a Johns – e sono informato in modo attendibile che sono residenti almeno semi-permanenti a Newnham. I retro, i giardini dei college e i terreni di proprietà dei college lungo il fiume creano un corridoio per l’ingresso della fauna selvatica non urbana a Cambridge, con un tessuto urbano continuo e più biodiverso di quello che si può trovare altrove, che si estende lungo il fiume a nord verso Fen Ditton come BENE. Ciò che effettivamente funziona come il nucleo dell’Università, da Darwin e Newnham fino a St Johns, è anche il percorso principale per la fauna selvatica a Cambridge. La relativa mancanza di strade e le fasce di spazio verde rendono l’esperienza di trascorrere del tempo in questa parte di Cambridge più simile a trascorrere del tempo, ad esempio, a Grantchester Meadows che a Parker’s Piece. È, con solo una minima iperbole, praticamente un’estensione della campagna. La fauna urbana qui è sostanzialmente più diversificata che in altre parti della città, perché l’urbanizzazione l’ha toccata così leggermente.

“Le interazioni uomo-fauna selvatica portano a una riduzione dello stress e dell’ansia individuale”

Non mi sfugge che anche la maggioranza degli universitari attraversa questa zona abbastanza spesso. Sidgwick Site è saldamente al centro di questo paradiso naturale, insieme a (secondo i miei calcoli) tredici college, con altri sette a due minuti a piedi. Come studenti, siamo in una posizione privilegiata per sperimentare e interagire con questi esploratori urbani, poiché i nostri college formano i percorsi lungo i quali viaggiano. I gufi si siedono sugli alberi accanto agli alloggi universitari, mentre i tassi si nascondono sotto di loro, come un diagramma di un libro sulla natura per bambini. Eppure le nostre interazioni con questi animali, e anche la nostra consapevolezza collettiva nei loro confronti, sono sorprendentemente minime. Per la maggior parte, la presenza di intrepidi animali di campagna a Cambridge passa inosservata, proprio come fece quel gheppio su Sidgwick. Se mai pensati, questi animali vengono pensati solo di sfuggita, forse spinti dalla menzione dell’esperienza di qualcun altro.

Ricordo che il mio tutor senior fece un commento sui gufi il primo giorno del primo anno, e sono certo che per molti quella fu l’ultima volta che il pensiero dei gufi nella nostra città attraversò la mente. Eppure, questo non dovrebbe rimanere così. Le nostre interazioni con la fauna selvatica urbana possono avere un effetto tangibile sul nostro benessere. Gli studi sulle interazioni umane con la fauna selvatica condotti in Svezia, Hong Kong e Arizona hanno tutti prodotto risultati simili: che le interazioni uomo-fauna selvatica portano a una riduzione dello stress e dell’ansia individuali. Più in generale, un maggiore accesso agli spazi verdi è stato collegato a livelli di cortisolo più elevati, ma la possibilità di osservare e interagire con la fauna selvatica non fa altro che accumulare ulteriori benefici. È stato dimostrato che le passeggiate intraprese attraverso spazi verdi da individui che si stavano riprendendo da condizioni psicologiche avevano un effetto ristoratore maggiore quando quelle persone avvistavano cervi o addirittura scoiattoli. In termini di ambiente, il suono del canto degli uccelli gioca un ruolo particolare nelle interazioni positive per la salute mentale.