Perché sono affascinato dal cricket del college

//

Alexandre


“Due per vincere. Guptill deve spingere per due. Devono andare. Il tiro deve arrivare dalla parte del portiere… Ce l’ha fatta! L’Inghilterra ha vinto la Coppa del Mondo! Con il minimo margine!”. Prima di quest’anno, quelle parole, che descrivevano l’apice della storia moderna dell’Inghilterra in uno dei suoi giochi più antichi, avevano poca importanza per me. Tutto il loro valore risiedeva nello stupore e nell’eccitazione che Ian Smith riusciva a trasmettere con tale chiarezza; è un vero maestro del suo mestiere. Gli eventi reali che stava descrivendo, così straordinari che la BBC lo coniarono “Il gioco più bello del cricket”, per me non significavano un “Dickie Bird”.

Certo, avevo provato per un breve periodo a giocare a cricket. Vivendo di fronte a un club di cricket, ho sentito l’obbligo di provarci intorno all’età di dieci anni. Tuttavia, la combinazione del lungo tempo di gioco, della relativa inazione e, cosa più urgente, del fatto che i miei piedi a forma di piccione mi impedivano di poter correre correttamente sui assorbenti, mi hanno portato a ritirarmi dalla piega dopo solo un paio di stagioni.

“Il cricket universitario incarna ciò che dovrebbe essere lo sport universitario”

Questo fino allo scorso semestre. Sono stato convinto da due dei miei amici più cari a unirmi a loro in una sessione nelle reti per la nostra squadra del college. Sentendomi troppo sottoqualificato anche per mentire sul fatto se fossi un battitore o un giocatore di bocce (ho scelto il battitore ricordando di essere considerato un “grande battitore” nei rounders scolastici), le mie aspettative erano molto basse. Ero un ragazzo del King’s College FC, nato e cresciuto. Sicuramente non potrei passare al lato oscuro di KCCC? Dopotutto, questa è una squadra i cui finanziamenti universitari rappresentano una parte significativa dell’incapacità di KCFC di convincere le autorità superiori che abbiamo bisogno di un terzo kit, esclusivamente per i Cuppers.

Bene, sono lieto di annunciare che, sebbene la mia incrollabile lealtà per KCFC non verrà mai meno, ora sono anche un orgoglioso giocatore per KCCC. E sto molto meglio per questo. Il cricket universitario mi ha aperto gli occhi su uno sport che per troppo tempo avevo rassegnato a considerare insignificante. Quella prima sessione di net si trasformò rapidamente in un evento settimanale. Entrando in questo trimestre, le reti interne della Fenners sono state sostituite con le strutture esterne della King’s School, a un tiro di schioppo dall’alloggio che molti di noi condividono. Posso dichiarare categoricamente che non c’è notifica più grande da ricevere di uno sfacciato a metà pomeriggio “Reti dopo?” messaggio su Whatsapp, nemmeno uno da Facebook per dire che la pagina ‘fess’ più inattiva del mondo, Kingsfess, è stata aggiornata.

“Le imperfezioni del cricket universitario sono ciò che rende questo sport così divertente a livello di base”

Tuttavia, ciò che manca a King in amministratori di Facebook competenti, viene compensato dall’attuale generazione d’oro di giocatori di cricket. Non vincendo una partita di cricket da tre anni, (al momento in cui scriviamo) ne abbiamo vinte tre delle prime quattro partite di Cuppers e cerchiamo di avere una reale possibilità di passare alla fase a eliminazione diretta. Ho consolidato la mia disciplina di battitore con un record personale di 40 inning, che purtroppo è accompagnato da cinque, cinque e tre punti meno impressionanti nelle altre partite. Dopo essere inciampato nella nostra partita di apertura della stagione, sono riuscito anche a gestire più inning consecutivi in ​​cui ho potuto correre con i pad e non sembrare “unico”, come mia mamma era solita sottolineare nel modo più carino possibile .

Il cricket universitario incarna ciò che dovrebbe essere lo sport universitario. Proprio come il football universitario rispecchia tutte le gioie della Sunday League, il cricket universitario ha tutte le caratteristiche di un fantastico torneo di cricket di villaggio. Nella mia breve carriera universitaria nel cricket, ho già sperimentato le difficoltà dei college che cercano di schierare una squadra di undici persone, la corsa frenetica di provare a finire una partita prima che la luce del sole scompaia e il miscuglio di bianchi, tute da ginnastica e persino un camicia di lino fresco di Zara (indossata da un membro della squadra Tit Hall/Magdalene) indossata dai giocatori. E non dimentichiamoci delle prove e delle tribolazioni degli studenti arbitri che cercano di determinare se una palla fosse LBW.

Le imperfezioni del cricket universitario sono ciò che rende questo sport così divertente a livello di base. Per quanto riguarda gli sport universitari, il cricket ha praticamente il livello di esperienza più basso richiesto per l’ingresso. Non c’è nessun Pep Guardiola di Poundland che cerchi di imporre tattiche complesse a un gruppo di dilettanti con i postumi della sbornia. Né è come il rugby, dove sono necessarie conoscenze specialistiche per poter prendere parte a parti cruciali del gioco, come le mischie. Uno di quegli amici che mi hanno portato alla mia prima sessione è conosciuto come un “difensore specialista”. Vede la palla. Corre dietro alla palla. Lancia la palla. E questo gli dà la stessa gioia di battere o giocare a bowling. Naturalmente, il cricket può essere molto più di questo, ma non deve esserlo necessariamente. E con la Coppa del Mondo T20 che si terrà quest’estate, non c’è momento migliore per provarci!