Perché il Botswana invia 20.000 elefanti in Germania?

//

Alexandre


So cosa stai pensando: “Ventimila elefanti? Sicuramente qui c’è stato un errore”. Ma no, il suggerimento è reale, anche se l’intento dietro era più un bluff. In risposta alle proposte di restrizioni tedesche sull’importazione di trofei di caccia e alla più ampia opposizione alla caccia nell’Africa meridionale, il presidente del Botswana Mokgweetsi Masisi ha reagito in difesa di una pratica che considera cruciale per il mantenimento dell’ecosistema del suo paese.

Questa non è la prima volta che si registrano tensioni sulla questione; Il ministro della fauna selvatica del Botswana ha lanciato una minaccia simile in risposta a un disegno di legge del Regno Unito all’inizio di quest’anno. La sensazione che i paesi del Nord del mondo stiano dettando politiche basate su concezioni idealizzate della natura da cui sono separati è sempre più comune nell’Africa meridionale. Il Botswana, che ospita un terzo degli elefanti del mondo, ha revocato il divieto del 2014 sulla caccia ai trofei, in gran parte a causa delle pressioni delle comunità rurali. Perché allora il massacro ricreativo della fauna selvatica è così popolare come pratica di conservazione, in particolare tra coloro che sono così vicini all’argomento?

“Questa sensazione che i paesi del Nord del mondo stiano dettando politiche basate su concezioni idealizzate della natura da cui sono separati è sempre più comune nell’Africa meridionale”

Per oggi: ‘caccia’ significa caccia ai trofei, turisti facoltosi che pagano i permessi per sparare ad animali specifici per lo sport sotto supervisione. Questo è diverso dal bracconaggio, in cui le bande uccidono gli animali per vendere parti del loro corpo al mercato nero. Sapendo questo, l’idea della caccia per la conservazione è semplice: chiedere ai ricchi potenziali cacciatori di pagare ingenti somme per l’esperienza di uccidere un piccolo numero di animali specifici. Il denaro versato può quindi essere utilizzato per finanziare programmi di conservazione e solo alcune specie possono essere uccise.

Questo modello di finanziamento viene utilizzato negli Stati Uniti, dove in media il 60% dei bilanci statali per la fauna selvatica proviene dalla vendita di licenze di caccia per le anatre e da una riduzione della vendita di armi e munizioni. Inoltre, i permessi possono essere rilasciati solo per le specie in abbondanza, facendo sì che i cacciatori paghino essenzialmente per effettuare il controllo della popolazione necessario per l’equilibrio ecologico. Questa idea è alla base dell’argomentazione di Masisi, secondo cui la popolazione di elefanti è troppo elevata a causa degli sforzi di conservazione senza la caccia per controllarne il numero. Dopotutto, gli esseri umani nelle aree rurali vivono vicino agli elefanti, ed è forse più difficile esultare per la loro popolazione in ripresa se hanno l’abitudine di calpestare i raccolti e le recinzioni.

Questo duplice approccio regge ad un esame accurato? Prendendo innanzitutto l’argomento economico, è importante considerare la scala. Nei paesi africani che consentono la caccia ai trofei, i profitti derivanti da questa pratica valgono in media l’1,8% delle entrate turistiche in questi stessi paesi. Si tratta comunque di una somma di denaro che cambia la vita nelle aree rurali del Botswana, dove è improbabile che i turisti fotografici visitino. Anche se sarebbe sbagliato ignorare le testimonianze delle persone di quelle zone, esse rappresentano solo una piccola parte del quadro.

“Nei paesi africani che consentono la caccia ai trofei, i profitti derivanti da questa pratica valgono in media l’1,8% delle entrate turistiche in questi stessi paesi”

I resoconti provenienti dallo Zambia rurale dipingono un quadro molto diverso. Nonostante i mandati legali secondo cui il 50% dei diritti di licenza di caccia deve essere restituito agli enti per le risorse comunitarie, le indagini del 2018 hanno suggerito che molto poco del denaro veniva visto dalle comunità rurali. Su scala più ampia, l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura ha sollevato preoccupazioni circa la trasparenza della distribuzione dei fondi, stimando che solo 30 centesimi all’anno raggiungano le aree rurali.

L’argomentazione (sostenuta tra gli altri da The Economist) secondo cui i compensi derivanti dalla caccia raggiungono le comunità rurali ignorate dagli altri turisti non tiene conto del modo in cui viene controllato il denaro. La sede fisica dello studio fa poca differenza. Generalmente, le agenzie per la fauna selvatica ricevono i loro budget dai governi, che raccolgono i finanziamenti da una varietà di fonti e li distribuiscono di conseguenza. L’idea di un semplice contributo alla pratica del finanziamento è confusa dai vincoli del mondo reale, rendendo l’argomentazione economica a favore della caccia come conservazione meno praticabile di quanto molti immaginino.

Il quadro economico è nella migliore delle ipotesi confuso, ma il punto principale sottolineato da Masisi riguarda la gestione. Dobbiamo quindi chiederci: la caccia è una strategia di gestione ecologica efficace? Idealmente, i permessi vengono rilasciati per le specie in abbondanza, con limitazioni sull’età e sulla posizione degli individui, aggiornati in linea con le prove. Questo è raramente il caso, con violazioni del principio a tutti i livelli.

Anche i sistemi ben pianificati sono un modo per allontanare la sovversione, a causa della natura diffusa dell’applicazione delle norme. Gli animali vengono esca dalle riserve per essere fucilati in luoghi tecnicamente legali con una frequenza allarmante. A livello sistemico, prove crescenti indicano che il profitto è l’incentivo trainante in molti regimi di autorizzazione, piuttosto che la necessità biologica. Si ritiene che le quote di trofei dei leopardi africani regolamentate a livello internazionale avvantaggino principalmente il commercio della loro pelle, piuttosto che la salute della specie nel suo complesso, mentre il sistema statunitense mantiene popolazioni di diverse specie carismatiche nonostante i danni agli ecosistemi che causano.

“Anche i sistemi ben pianificati sono una tangente per allontanare la sovversione, a causa della natura diffusa dell’applicazione”

Fondamentalmente, gli obiettivi della caccia e della conservazione divergono oltre l’obiettivo superficiale di avere più animali. Le popolazioni frammentate e mantenute artificialmente di animali cacciati sono l’antitesi delle popolazioni connesse e diversificate che la conservazione mira a promuovere. Per ironia della sorte, il conflitto uomo-elefante utilizzato per pubblicizzare la caccia all’inizio dell’articolo ne viene spesso aggravato. I cacciatori prendono di mira i tori, i membri più aggressivi e pericolosi di una specie intelligente e longeva, e allo stesso tempo aumentano la frequenza dei loro contatti con gli esseri umani. Sia nella specificità dell’attuazione, sia negli scopi olistici, la caccia ai trofei si trova in contrasto con la gestione ecologica.

Tra le righe di molte argomentazioni a favore della caccia emerge il tema di una dura verità che viene raccontata. I sostenitori della caccia seguono fatti e ragionamenti scientifici, così dicono, piuttosto che la spinta emotiva delle argomentazioni a favore del divieto. Ciò è evidente dai commenti di Masisi, così come di innumerevoli altri che sostengono posizioni simili. Penso che valga la pena notare che la “scienza” stessa non può rispondere alla questione politica della caccia, ma solo integrare la decisione con prove specifiche del caso. Le risposte ecologiche e biologiche possono essere previste scientificamente, ma è necessario formulare un’argomentazione politica facendo riferimento a preoccupazioni sociali più ampie.

Tuttavia, è giusto offrire un’alternativa. Lanciare dardi per sedare, e non uccidere, gli animali è una semplice sostituzione in molti sistemi esistenti, mentre i programmi dedicati di gestione della popolazione funzionano molto meglio quando i loro obiettivi non si scontrano con i capricci dei turisti. Il Botswana ha tutto il diritto di identificare i reali problemi legati alla sua popolazione di elefanti, ma è difficile sostenere che la caccia sia la soluzione migliore.