Una giornata nella vita di un frequentatore di palestra di Cambridge

//

Alexandre


Sto scrivendo questo articolo con lievi calli sulle mani e l’incapacità di sollevare le braccia sopra la testa. I miei bicipiti hanno le stesse dimensioni di ieri (piccoli), nonostante il curling con 4,5 kg per sei ripetizioni traballanti. Tuttavia, sono informato in modo attendibile che questa totale mancanza di progressi è normale e che per vedere i progressi dovrò essere coerente. Che diavolo.

Nei miei infiniti tentativi di procrastinare, ho chiesto a Noah se potevo seguire il suo programma giornaliero e unirmi a lui per un allenamento. Noah è un frequentatore di palestra del secondo anno a Homerton e sapevo che sarebbe stata la persona migliore per introdurmi allo stile di vita da palestrato. Stupidamente, mi sono impegnato a seguire l’orario di Noah prima di controllare a che ora si sveglia.

La mia giornata è iniziata con tre sveglie alle 6:00, 6:18 e 6:23. No, non mi interessa che le mie sveglie non siano multipli di 5! Il tempo è un costrutto e non mi farò riscattare per questo. Sfortunatamente, questo stesso ragionamento mi ha portato a premere stop sulle sveglie (nemmeno snooze), promettendomi di riposare gli occhi per “altri cinque minuti”.

Due ore dopo mi sono svegliato, devastato. Mi sono lavato i denti, vergognoso della mia scarsa attività fisica, e ho giurato di abbracciare lo stile di vita da palestra con più tutto il cuore. Il mio rinnovato impegno mi ha seguito in cucina, dove ho realizzato che una frittata di albumi sarebbe stata difficile da preparare senza uova, e ho optato per una colazione a base di un cucchiaio di burro di arachidi croccante. Dopotutto, le proteine ​​sono importanti.

“Temo di aver imparato l’autodisciplina”

La giornata avrebbe dovuto seguire il programma di Noah, che prevedeva un ripasso dalle 8 alle 11 e una conferenza dalle 11 al 12. A causa del mio inizio tardivo, ho deciso di rivedere dalle 9:30 alle 12, il che, a dire il vero, è piuttosto impegnativo. Ero forte, ho resistito alla tentazione di andare su Instagram e ho procrastinato solo leggermente fissando di tanto in tanto il mio schermo con sguardo assente. Temo di aver imparato l’autodisciplina.

Per pranzo mi sono avventurato a Peterhouse e ho mangiato una fajita al jackfruit. Con mio sgomento, ho scoperto che questa non era, in realtà, un’enorme fonte di proteine. Ho continuato a rivedere nel pomeriggio, seguendo il programma di revisione di Noah dalle 13:30 alle 17:30, alimentato da un flat white e ricordando a me stesso che i veri topi da palestra riescono a superare il dolore. Non sono sicuro che il dolore in questione si riferisca normalmente al mal di schiena causato da una postura permanentemente curva, ma mi ha comunque motivato.

È qui che la giornata inizia a diventare frenetica in palestra. Tornai a Homerton, temendo sinceramente ciò che sarebbe successo. La mia postura è stata descritta in precedenza come un punto interrogativo (grazie, “amici”), quindi potete capire perché la prospettiva di confrontarmi con i muscoli della schiena in palestra non sarebbe esattamente il mio posto felice. Questa trepidazione è aumentata solo dopo aver fatto alcune ricerche giornalistiche sull’autobus per tornare a casa e aver trovato un video della tipica giornata di Noah sul suo Instagram.

A peggiorare le cose, normalmente credo fermamente nelle zone di comfort e non mi sono mai spinto fino al fallimento. “Ma è fuori dalla tua zona di comfort che avviene la magia”, ti sento piangere. È anche il luogo in cui si verificano molti disagi. Le persone che fanno escursioni al freddo non finiscono mai con capezzoli irritati e fratture da stress in entrambi gli stinchi, ma i maratoneti sì. Conseguenza? Starò tranquillo, grazie.

“Starò tranquillo, grazie”

Sono uscito con riluttanza dalla mia zona di comfort e mi sono diretto a Puregym con Noah, dove, francamente, il sistema di pod in stile Hunger Games per entrare era abbastanza stressante. Mi aspettavo di sentirmi fuori posto e intimidito, come mi è capitato prima nelle palestre. Normalmente, mi sento come se tutti in palestra mi fissassero, ridessero silenziosamente della mia forma e giudicassero le mie capacità. Occupare spazio può essere difficile per una donna, soprattutto in una palestra affollata come principiante. È stato incredibilmente confortante entrare in palestra con qualcuno che sapeva cosa stava facendo e poteva mostrarmi i trucchi del mestiere. Noah mi ha mostrato un lato diverso della palestra; ha parlato di trovare comunità in palestra e di usarla come via di fuga dalla bolla di Cambridge. I suoi amici in palestra mi hanno supportato incredibilmente e mi hanno offerto consigli, incoraggiamento e rassicurazione sul fatto che non sembravo così stupido come mi sentivo. Il consiglio di Noah, quando ho confessato che normalmente mi sento fuori posto, è stato di chiedere consiglio alle persone più grandi della palestra. Anche se non ero del tutto convinto che avrei provato quella tattica presto, la mia esperienza con Noah e l’incontro con i suoi amici mi hanno convinto che la palestra può essere uno spazio accogliente e di supporto.

L’allenamento vero e proprio potrebbe essere descritto più accuratamente come umiliante. Sfortunatamente, la schiena di Noah è ferita e, sorprendentemente, allenarla non è stato d’aiuto. La nostra sessione di allenamento congiunta si è trasformata in una sessione di personal trainer. Ero grato che Noah fosse paziente come allenatore, anche se occasionalmente ottimista su quante ripetizioni fossero fisicamente possibili per me. In nome del giornalismo, ho finito per fare negativi controllati, che sono come i pull-up inversi. Per favore, prenditi un momento per fermarti qui e immaginare questa scena: sono aggrappato a una barra, cercando di controllare la mia discesa con scarso successo, di fronte a qualcuno con cui ho avuto la mia prima conversazione trenta minuti prima. Vorrei che la descrizione finisse lì, ma no. Questa persona poteva anche eseguire una vera e propria panca del mio peso corporeo come riscaldamento e mi diceva che il mio tentativo era solo di mezza ripetizione e di ripetere. Onorato.

Non ho mai veramente capito come spingere fino al fallimento, a differenza di Noah, che è svenuto per aver sollevato pesi così pesanti. L’allenamento mi ha spinto e in realtà mi è piaciuto trovare i limiti delle mie forze, anche se trovare il limite non mi ha richiesto molto tempo. C’era qualcosa di stranamente catartico e terapeutico in quell’esperienza. È importante avere sbocchi diversi e sono davvero grato che Noah mi abbia aiutato a vivere un’esperienza positiva in palestra. La stagione degli esami e i lunghi periodi seduti davanti a un laptop fanno sì che tutti si sentano stufi, a volte, e mi sono reso conto di quanto mi piacesse l’opportunità di sudare, spingermi e muovermi. Se qualcuno mi vede fregato l’anno prossimo, fatti gli affari tuoi.