Compensazione delle emissioni di carbonio: incontra l’uomo dietro i tuoi marchi preferiti “a zero emissioni di carbonio”.

//

Alexandre


Dall’ONU alle etichette dei vestiti di H&M, il termine “carbon neutral” è diventato in qualche modo onnipresente nel mondo dei consumatori eco-consapevoli. Il concetto sembra abbastanza semplice: mantenere un equilibrio tra l’anidride carbonica emessa e quella assorbita dall’atmosfera. In pratica, tuttavia, il percorso verso la neutralità carbonica è più complesso. Uno dei meccanismi più popolari attraverso i quali le aziende raggiungono la neutralità del carbonio è la compensazione del carbonio, la vendita di certificati legati a vari progetti di sostenibilità volti a ridurre la quantità di anidride carbonica (CO2) nell’atmosfera – dallo sviluppo e distribuzione di tecnologie rinnovabili a soluzioni basate sulla natura come la conservazione delle foreste. In effetti, le soluzioni di compensazione basate sulla natura potrebbero potenzialmente rappresentare oltre un quarto degli sforzi di mitigazione richiesti entro il 2030.

“Le aziende possono acquistare questi certificati e dichiarare di essere a zero emissioni di carbonio senza mai ridurre le proprie emissioni – una sorta di inquinamento pay-to-play”

Questa pratica, tuttavia, è stata criticata da diversi punti di vista; per prima cosa, le aziende possono acquistare questi certificati e dichiarare di essere a zero emissioni di carbonio senza mai ridurre le proprie emissioni – una sorta di inquinamento a pagamento. Inoltre, i progetti finanziati dai crediti di carbonio non sempre forniscono i risultati promessi. In effetti, i progetti REDD (Riduzione delle emissioni da deforestazione e degrado forestale) sostenuti dalla compensazione del carbonio spesso sottoperformano le previsioni. Uno studio su un campione di progetti REDD in tutti e sei i continenti ha rilevato che essi hanno impedito la deforestazione a un tasso significativamente inferiore a quello previsto dagli sviluppatori del progetto. Questa discrepanza mina la credibilità dei metodi quantitativi che valutano gli impatti di queste soluzioni basate sulla natura, rendendoli investimenti rischiosi e quindi sottofinanziati.

Questo è il problema che i membri della facoltà di Cambridge, tra gli altri contributori, affrontano in un documento di ricerca pubblicato di recente. Come spiega il ricercatore Srinivasan Keshav, uno dei motivi principali per cui il mercato volontario del carbonio ha rifiutato soluzioni basate sulla natura è la “mancanza di fiducia” nel successo previsto di questi progetti. Lui e i suoi colleghi credono che il loro nuovo quadro PACT (Permanent Additional Carbon Tonne) sia la risposta a questa crisi di fiducia. Questo nuovo quadro è unico sia nella sua natura dinamica, con un “monitoraggio a lungo termine” e rilasci di “crediti da emettere e vendere alla fine di ogni periodo di tempo” per correggere sovra o sottostime dell’efficacia di un progetto, sia in il suo approccio globale: secondo Keshav, nessun altro gruppo sta valutando contemporaneamente tanti fattori quanti sono monitorati nell’ambito del quadro PACT. Il metodo fornisce anche un mezzo attraverso il quale gli investitori possono effettuare “confronti simili di diversi progetti sul carbonio”. Keshav sottolinea l’importanza della trasparenza e dell’accessibilità di questo nuovo metodo, che sarà open source e non brevettato, nel tentativo di incoraggiare coloro il cui compito è certificare questi progetti ad implementare il quadro PACT. I ricercatori sono anche in trattative con le Nazioni Unite e con l’Integrity Council for Voluntary Carbon Markets, con l’obiettivo di diffondere la loro ricerca nell’ambito della compensazione del carbonio.

“In uno studio su 89 milioni di crediti di carbonio prodotti da 18 progetti REDD, il 68% proveniva da progetti ‘che hanno ridotto a malapena, se non del tutto, la deforestazione’”

Questo nuovo metodo non tiene conto di tutti i potenziali difetti dei progetti di compensazione basati sulla natura. In uno studio su 89 milioni di crediti di carbonio prodotti da 18 progetti REDD, il 68% proveniva da progetti “che hanno ridotto a malapena la deforestazione, se non del tutto” – il quadro PACT non può determinare se questi fallimenti derivano dalla concettualizzazione o dall’implementazione di questi progetti. Keshav spiega che, tuttavia, elimina una terza incognita: l’accuratezza dei parametri di un progetto. Fornendo strumenti più precisi con cui valutare i propri risultati, il quadro PACT potrebbe spingere gli investitori e i project manager a indagare sui fattori che portano alla transitorietà dei loro progetti. Keshav sostiene inoltre che, sebbene il mercato di compensazione possa offrire opportunità per conservare la biodiversità tropicale, dovrebbe essere trattato come una sorta di “ultima risorsa”, compensando le emissioni che sono essenzialmente inevitabili nel mondo moderno, come i viaggi aerei, o come misura volontaria. insieme alla riduzione delle emissioni, piuttosto che cancellare le emissioni di massa di aziende come Shell, che solo nel 2022 hanno emesso oltre 1,2 miliardi di tonnellate di carbonio.

La compensazione del carbonio rappresenta una soluzione reale e praticabile alla crisi climatica? Ciò non è chiaro. Sebbene Keshav e altri concordino sul fatto che la compensazione stessa dovrebbe essere attuata insieme alla riduzione delle emissioni alla fonte, ciò non sempre si manifesta nella pratica, un fatto che ha portato molti a considerare la pratica più come PR che praticabile. Questa è una domanda alla quale, come ammette prontamente lo stesso Keshav, il quadro PACT non può rispondere. Ciò che è chiaro è che con l’avvicinarsi sempre più della scadenza del 2050 per l’azzeramento delle emissioni nette, come delineato nell’accordo di Parigi, consumatori, cittadini e politici devono riconsiderare il ruolo che i sistemi di compensazione delle emissioni di carbonio dovrebbero svolgere nella lotta contro il cambiamento climatico.