Dietro lo starnuto

//

Alexandre


Le ultime due settimane hanno portato con sé un bel sole, che sicuramente aiuta a rallegrare l’atmosfera altrimenti stressante del semestre d’esame. Ma per uno su cinque di noi, il sole ha un costo, poiché questo periodo dell’anno segna anche l’inizio della stagione del raffreddore da fieno. Poiché i livelli di polline delle graminacee aumentano da maggio a luglio prima di essere sostituiti dal polline delle erbe infestanti fino a settembre, molti di noi si stanno preparando per un’altra lunga estate di starnuti, congestione, prurito agli occhi e mal di testa. La mia coinquilina mi ha detto che al mattino riesce facilmente a capire chi si muove nell’appartamento: la nostra amica andrà a prendere il bollitore, mentre io starnutendo vado direttamente in bagno a soffiarmi il naso.

“Molti ritengono che abbia enormi effetti sulla qualità della vita, con due terzi dei pazienti che riferiscono che limita la loro attività quotidiana”

La febbre da fieno, o rinite allergica, è un’infiammazione nasale in risposta agli allergeni presenti nell’aria. Ma soprattutto, molti ritengono che abbia enormi effetti sulla qualità della vita, con due terzi di coloro che ne soffrono riferiscono che limita la loro attività quotidiana. Reazioni eccessive di istamina causano anche esaurimento, soprattutto se associato a perdita di sonno, e la febbre da fieno ha dimostrato di avere effetti misurabili negativi sulla funzione cognitiva e quindi sulla prestazione agli esami.

Ieri, passeggiando per Boots, sono rimasta colpita dalle esposizioni di antistaminici, spray nasali e colliri ad ogni angolo. Oggi più che mai le persone soffrono di raffreddore da fieno poiché il cambiamento climatico altera le nostre stagioni e riscalda il pianeta, aumentando la durata e la potenza della stagione dei pollini. Uno studio ha riferito che la percentuale di bambini con diagnosi di rinite allergica è triplicata dagli anni ’80.

“Più persone soffrono di raffreddore da fieno ora che mai poiché il cambiamento climatico altera le nostre stagioni e riscalda il pianeta, aumentando la durata e la potenza della stagione dei pollini”

Si prevede che quest’estate batterà ancora una volta i record di temperatura. Un’estate più calda quest’anno significa che il polline degli alberi dell’anno prossimo (in particolare della betula) sarà probabilmente di nuovo peggiore, poiché quest’anno il polline viene depositato nei boccioli dei fiori. Il numero dei pollini tende ad essere più elevato con clima secco, umido e soleggiato tra 18 e 28 gradi, condizioni che stanno diventando sempre più diffuse, e per periodi più lunghi dell’anno. Oltre a ciò, il cambiamento climatico ha effetti sulla distribuzione delle specie, con studi che suggeriscono che l’ambrosia comune sta sempre più colonizzando, portando con sé un enorme volume di polline altamente potente. Detto questo, un modello prevede che il cambiamento climatico sarà responsabile di un aumento fino al 60% della gravità del raffreddore da fieno nei prossimi anni.

Quindi, cosa possiamo fare al riguardo? Sfortunatamente per molti di noi, il raffreddore da fieno può svilupparsi a qualsiasi età e, al momento, non esiste una cura facile. Il consiglio di rimanere in casa durante le giornate soleggiate e uscire la sera non è in realtà particolarmente utile, a seconda del tipo di pollini che causano le allergie. Nelle giornate calde, le correnti convettive trasportano verso l’alto l’aria contenente i pollini, che scende durante la sera e la notte quando la temperatura ambiente diminuisce. Ciò significa che molte persone si ritrovano ad avvertire sintomi peggiori durante la notte, e in particolare al risveglio.

Gli antistaminici sono la misura più comune per mitigare i sintomi del raffreddore da fieno, che agiscono inibendo i recettori dell’istamina in modo da diminuire la risposta allergica del corpo. Esistono molti tipi diversi di antistaminici, alcuni danno sonnolenza, altri no, e spesso sono necessari alcuni esperimenti per scoprire quali saranno efficaci per te. Anche i colliri e gli spray nasali aiutano ad attenuare i sintomi, così come mettere la vaselina intorno al naso per intrappolare fisicamente il polline.

Il polline dell’erba di Cambridge è particolarmente brutale: spero e prego di poter trovare un antistaminico che funzioni per me quest’anno, così da poter arrivare a Grantchester Meadows alla fine del secondo esame. Ma, cosa più seria, la ricerca in questo ambito mi ha ulteriormente evidenziato gli effetti specifici e di vasta portata che il cambiamento climatico avrà, e sta già avendo, su tanti aspetti della nostra vita. Il peggioramento della stagione dei pollini è solo un piccolo effetto di un pianeta sempre più caldo.